Ecocolordoppler: a cosa serve?

Ecocolordoppler: a cosa serve?

Un’ecografia colorata di blu e rosso per studiare il flusso del sangue all’interno del sistema circolatorio.

Questo è l’Ecocolordoppler, un esame avanzato e non invasivo che permette di valutare l’eventuale presenza di anomalie o patologie dei piccoli e grossi vasi venosi e arteriosi.

Occlusioni e restringimenti del flusso del sangue (stenosi) in arterie o vene, aneurismi, trombosi e insufficienze venose: si tratta di patologie a carico dei vasi sanguigni potenzialmente molto pericolose e che spesso si sviluppano in forma asintomatica o con sintomi iniziali lievi, come il gonfiore alle gambe o crampi muscolari.

Solo una corretta diagnosi può aiutare a capire se un sintomo anche lieve è la manifestazione iniziale di una patologia oppure è solo un “sintomo temporaneo”.

A questo scopo, l’ecocolordoppler, usando un sistema di onde sonore tipiche dell’ecografia, permette di ottenere immagini a colori rosso e blu dei flussi venosi e arteriosi per studiare l’interno dei principali vasi sanguigni e rilevare anche le più piccole lesioni, valutandone con precisione l’entità.

Come si svolge l’esame?

L’esame è piuttosto semplice: per svolgere l’ecocolordoppler viene applicato un gel sulla parte del corpo da esaminare.

Sulla stessa zona, il medico appoggia la sonda ecografica che consente di ottenere le immagini sullo schermo dell’ecografo per ecocolordoppler.

L’esame dura circa venti minuti, non è doloroso e non ha controindicazioni.

Chiedi un consulto ai nostri esperti

Con WMC la tua salute è in buone mani

Dr.Pagnozzi Giovanni
Cardiologia - Cardiochirurgo
Dr.Longo Marcella
Cardiologia - Cardiologa