Trapianto di capelli metodo FUE

Il trapianto di capelli metodo FUE (Follicular Unit Extraction) è una tecnica introdotta all’inizio degli anni 2000. Si basa sull’autotrapianto di capelli del paziente stesso, che viene reso possibile dal prelievo di piccole porzioni di cute, le cosiddette grafts, da una zona donatrice sul capo del soggetto trattato.

Generalmente il prelievo, che avviene grazie a una procedura motorizzata e con un bisturi di piccolissime dimensioni, viene effettuato prendendo come punto di partenza la zona posteriore del capo. Il passo successivo consiste nell’attesa della guarigione dell’area interessata dal prelievo.

Una volta completato tale processo, si inizia con l’impianto nella zona frontale del cranio delle unità follicolari precedentemente prelevate.

Questo trattamento capelli, che prevede un’anestesia locale con sedazione, richiede una grande abilità da parte del chirurgo. Il medico, infatti, deve introdurre le unità follicolari prelevate impegnandosi a rispettare l’orientamento dei capelli già presenti.

 

 

Decorso dopo il trapianto

Dopo 1 – 2 settimane, i capelli appena cresciuti a seguito dell’impianto delle unità follicolari precedentemente prelevate cadono. Si tratta del cosiddetto effetto shock, che non deve assolutamente preoccupare. Quello che conta, infatti, è che il bulbo rimanga in sede.

Dopo 4 mesi

In ogni caso, dopo circa 4 mesi dall’intervento iniziano a crescre i capelli normale.

Da sapere

Con una durata media di circa 4 ore, l’autotrapianto di capelli con tecnica FUE deve essere preceduto, ovviamente previo consulto con il medico curante, dalla sospensione dell’assunzione di aspirina e di qualsiasi farmaco in grado di provocare la fluidificazione del sangue.

PRENOTA SUBITO



* Acconsento al trattamento dei miei Dati Personali per le finalità di cui all’articolo 2 della INFORMATIVA

Presto il consenso per COMUNICAZIONI COMMERCIALI