Salute del cuore: attenzione al girovita

Salute del cuore: attenzione al girovita

La pancetta non è solo un problema di linea. Il grasso addominale è la spia di un alterato metabolismo dei grassi, causa di diabete ma anche di ictus e di malattie coronariche.

Grasso a livello dell’addome? Non è solo un problema di linea ma anche e soprattutto la salute.

Dimagrire, infatti, significa prendersi cura del proprio cuore e ridurre i rischi di ictus, diabete e cardiopatie coronariche. I depositi adiposi sull’addome sono infatti indice di un alterato metabolismo dei grassi, noto come insulino-resistenza.

Si tratta di una condizione alterata in cui l’insulina, ovvero l’ormone che riduce i livelli di zuccheri nel sangue, non riesce più a svolgere il proprio lavoro. In questo modo, gli zuccheri si accumulano nel sangue, si alza la glicemia, e l’eccesso di zuccheri viene trasformato in riserva, ovvero in adipociti, cellule di grasso. Il grasso così accumulato è il responsabile dell’aumento del girovita e del grasso che si deposita intorno agli organi interni, causando un ingrossamento dell’addome ma anche, all’origine di diabete, ictus e malattie delle coronarie che possono portare all’infarto cardiaco.

Quando troppo è troppo

Come capire se il proprio girovita è troppo? Numerosi studi sull’argomento hanno dimostrato che il girovita di un uomo non dovrebbe superare i 95 centimetri, mentre quello di una donna dovrebbe essere contenuto entro gli 80 centimetri. A questo scopo è importante:

  1. curare l’alimentazione, ridurre le calorie, privilegiare le fibre contenute in verdure e frutta, limitare i cibi ad alto contenuto di grassi e sale
  2. fare attività fisica con regolarità, che secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità dovrebbe prevedere 30 minuti di esercizio fisico almeno tre volte a settimana. Iscriversi in palestra o praticare uno sport non è necessario, a fare la differenza possono bastare piccoli ma significativi accorgimenti, come parcheggiare l’auto più lontano o andare in ufficio a piedi, in modo da concedersi una camminata a passo svelto
  3. smettere di fumare, invece, non solo è utile alla prevenzione delle malattie cardiovascolari, ma anche a tenere sotto controllo l’ipertensione (e ridurre il rischio di tumore al polmone).

Chiedi un consulto ai nostri esperti

Con WMC la tua salute è in buone mani

Dr.Guizzardi Paola
Nutrizione - Nutrizionista
Dr.Pagnozzi Giovanni
Cardiologia - Cardiochirurgo
Dr.Longo Marcella
Cardiologia - Cardiologa